Detersivi

Lo sapevi che i detersivi ed i prodotti per la pulizia della casa devono rispettare delle norme di prodotto che ne disciplinano la sicurezza e che il produttore deve fornire garanzie in merito?

Per questo motivo deve avere un fascicolo tecnico di questi prodotti, contenente anche le schede di sicurezza e rilasciare una dichiarazione di conformità e delle istruzioni d’uso. Inoltre, devono essere sempre identificabili il produttore ed il prodotto.

La nostra società fornisce l’assistenza e la consulenza necessarie per il rispetto delle leggi dei detersivi e di tutte le categorie di prodotti presenti sul sito!

La pulizia senza pericoli

Sapere

Questa dovrebbe essere una “condizione senza condizioni”, ovvero utilizzare prodotti per la pulizia degli indumenti e della casa, che raggiungano i loro obiettivi, ovvero pulire senza creare situazioni pericolose o dannose.

In realtà i detersivi ed i prodotti di pulizia, già nella loro confezione dovrebbero avere dei sistemi che ne riducano la pericolosità, ad esempio il coperchio o il tappo dovrebbero essere anti-apertura, cioè un bambino non dovrebbe riuscire ad aprirli e l’apertura dovrebbe essere possibile solo con un’azione volontaria e specifica, impossibile da mettere in pratica da un bambino.

Passi avanti verso la sicurezza

Per fortuna le cose sono cambiate negli ultimi anni, ma nel passato non erano rare le notizie di bambini ed adulti, che per errore avevano ingerito del detersivo liquido, bevendo da una bottiglia nella quale era stato travasato e non c’era all’esterno alcuna segnalazione di pericolo.

Le confezioni in commercio devono avere un’etichetta nella quale sono indicati i componenti principali, sono segnalati con scritte e simboli sia i pericoli che gli interventi immediati, in caso di ingestione o contatto con gli occhi o altre mucose sensibili.

Il fascicolo tecnico

Come per tutti i prodotti, i produttori devono (dovrebbero) rispettare le direttive sui prodotti e prima di tutto la direttiva 2001/95/CE “sicurezza generale dei prodotti” e conseguentemente avere in azienda e mettere a disposizione delle autorità in caso di richiesta, una documentazione tecnica, normalmente denominata “fascicolo tecnico” per mezzo della quale è possibile verificare la sicurezza del prodotto e l’esistenza di procedure da seguire in caso di incidenti.

Nelle confezioni di prodotti pericolosi devono essere evidenti dei simboli che indicano immediatamente il grado di pericolo, le indicazioni di cosa fare in caso di incidente ed i riferimenti per contattare sia un centro antiveleni che la persona reperibile telefonicamente in caso di necessità.

Dovrebbero essere presenti indicazioni efficaci riguardo alle quantità da consumare, perché eccedere diventa spreco ed inquinamento, anche se rappresenta un guadagno per i produttori, inoltre va ricordato che nella realtà il bianco non è il risultato della pulizia ma dell’effetto dei brillantanti, ovvero una specie di colore che si attacca ai tessuti, di fatto conferendo il bianco smagliante che non significa pulizia assoluta.

Non sappiamo se tutti i produttori seguano queste indicazioni e rispettino la legge, ma tutti noi consumatori, al momento dell’acquisto dovremmo fare delle verifiche per comprendere se il prodotto che acquistiamo è stato gestito in modo corretto e se il produttore ha provveduto a fornire tutte le indicazioni utili.

La mancanza di tali indicazioni dovrebbe essere sufficiente per farci cambiare scelta, perché risparmiare sulla sicurezza non è mai un investimento.

Pulire senza creare situazioni pericolose o dannose.

Da sapere

Le confezioni in commercio devono avere un’etichetta nella quale sono indicati i componenti principali, sono segnalati con scritte e simboli sia i pericoli che gli interventi immediati, in caso di ingestione o contatto con gli occhi o altre mucose sensibili.

Passi avanti verso la sicurezza

Come per tutti i prodotti, i produttori devono (dovrebbero) rispettare le direttive sui prodotti e prima di tutto la direttiva 2001/97/CE “sicurezza generale dei prodotti”

Il fascicolo tecnico
Per qualsiasi domanda o chiarimento
non esitare a contattarci.

Il sottoscritto dichiara di aver letto l'informativa ai sensi degli articoli 13 e 14 del regolamento UE 679/16 ed esprime il consenso ad essere contattato (Richiesto)